Tieni alla salute delle tue piante e dei tuoi animali? Allontanali dai campi elettromagnetici

gennaio 13, 2014 | By | Reply Leggi tutti

esposizione-campi-elettromagnetici-pianteCiò che ci circonda, soprattutto l’ambiente, condiziona la nostra vita e la qualità di essa e infatti sono in aumento i danni biologici legati all’elettrosmog a sua volta generato dai moderni stili di vita delle civiltà industrializzate in cui vi è un massiccio uso di cellulari, internet e mezzi di comunicazione vari che hanno bisogno di dispositivi di ricezione.

Con l’aumento dell’esposizione sono aumentate anche le denunce di patologie di tipo cronico che hanno un’incidenza maggiore in località sovraesposte a campi elettromagnetici. L’emergere di questi problemi ha portato alla necessità di studi approfonditi e soprattutto specifici; nasce così la Medicina Ambientale Clinica che ricerca le cause di molte malattie croniche al fine di individuare una terapia adeguata. Questa branca si avvale di indagini di laboratorio e strumentali volte a creare una sufficiente banca dati.

L’inquinamento elettromagnetico è causato dalle onde e.m. trasmesse dai vari dispositivi presenti sul nostro territorio. Le onde generano dei campi magnetici che possono essere a bassa o alta frequenza in base alla fonte. Tra i più comuni dispositivi che generano elettrosmog ci sono le antenne di ricezione utilizzate per i telefoni cellulari, i vari trasmettitori radiofonici.
Questo tipo di inquinamento è di sicuro più subdolo rispetto all’inquinamento prodotto dai tubi di scarico o dalle fabbriche perché è inodore ed incolore, ma questo non vuol dire che comunque non crei danni. Gli studi effettuati hanno evidenziato diverse particolarità.

L’impatto è diverso a seconda dell’intensità e della frequenza dell’esposizione ed in conseguenza di ciò rileva che le radiazioni intense di bassa frequenza possono provocare impulsi nervosi e contrazioni muscolari involontarie mentre, le radiazioni intense e di alta frequenza provocano il surriscaldamento dei tessuti.

Dalle ricerche risulta inoltre che anche una debole esposizione può provocare danni biologici ed in particolare è stato rilevato che essa ha un impatto sul comportamento, sull’apprendimento, modifica i livelli ormonali degli animali e va a a ridurre la capacità di crescita delle piante.

Analisi specifiche sono state condotte nelle aree coinvolte da un massiccio bombardamento delle antenne di ricezione per telefonini in Lombardia, è stata notata una ridotta crescita di erba e di cespugli di alloro e lauro. Proprio per questo motivo è necessario allontanare le piante da fonti di inquinamento elettromagnetico se non si vuole rinunciare a vederle crescere rigogliosamente.

Curioso anche l’impatto su alcuni animali, ad esempio, per quanto riguarda i piccioni durante il volo pare che siano disturbati nella loro capacità di orientamento dai campi elettromagnetici.
Deve comunque essere ribadito che le norme internazionali tutelano la salute pubblica perché fissano dei limiti che proteggono da radiazioni eccessivamente forti.

Fonti:

http://www.medicinaecologica.it/Notizie-%20Campi%20Elettromagnetici.html

http://www.umwelt-medizin-gesellschaft.de

Tag: , , , ,

Categoria: Elettrosmog

Leave a Reply

È necessario essere loggato per inserire un commento.